Sei uno Psicologo?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca lo Psicologo
Dr.ssa Cristina Cavalli

Dr.ssa Cristina Cavalli

Via XI Febbraio, 54 - CREMONA (Cremona)

Tel: 0372 461099 Cel: 338 8342785

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr.ssa Anna Scelzo

Dr.ssa Anna Scelzo

Via Martiri della Liberazione, 33 - 16043 CHIAVARI (Genova)

Cel: 3473890206

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dott.ssa Anna Rossetto

Dott.ssa Anna Rossetto

Via della Valverde, 87 - 37122 VERONA (Verona)

Tel: 0456933671 Cel: 347 589 1381

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Eiaculazione precoce:
un problema sempre più diffuso

Eiaculazine precoce

Che cos’è

Per eiaculazione precoce si intende una eiaculazione che avviene, durante il rapporto sessuale, prima di quanto l’uomo e la sua partner vorrebbero, ovvero prima che la partner raggiunga l’orgasmo, in una percentuale superiore al 50% dei rapporti. In genere, l’eiaculazione precoce avviene entro i due minuti dalla penetrazione (su una media valutata statisticamente di sei minuti e mezzo, in uomini dai 18 ai 30 anni). E’ tipica dell’inizio della pubertà e dell’età avanzata. Talvolta si accompagna a disfunzioni erettili. Non rientrano in questa definizione i casi occasionali e sporadici, e quelli in cui possono essere determinanti sia l’inesperienza dell’uomo sia della partner. Può accadere in qualsiasi situazione (generalizzato) o avvenire solo ed esclusivamente con alcune partner (situazionale). Quest’ultima può essere favorita da fattori strettamente personali: depressione temporanea, problemi relativi a difficoltà economica, repressione sessuale, conflitti irrisolti, scarsa fiducia in se stessi; oppure dal tipo di relazione che si ha con la partner: aspettative troppo alte sulla prestazione sessuale (sindrome da prestazione), mancanza di comunicazione, eccessiva eccitazione, mancanza di controllo psicofisiologico.

Cause

La serotonina, neurotrasmettitore del buon umore, sembra avere un ruolo importante nel regolare l’eiaculazione. E’ stato accertato che un suo basso livello può portare all’emissione precoce, ed altri problemi non di poco conto, come la depressione.In un’alta percentuale si è invece stabilita una connessione genetica, per la presenza di familiari stretti con lo stesso problema (nel 91% dei casi). Possono esserci alla base problemi di natura organica: fimosi, frenulo del pene corto, prostatite, vescicolite. Alcune ricerche hanno dimostrato che gli uomini che soffrono di eiaculazione precoce hanno una risposta neurologica più veloce nei muscoli pelvici. In questo caso possono tornare utili dei semplici esercizi consigliati dal sessuologo per aumentare il controllo. La causa più frequente rimane comunque quella psicologica (sensi di colpa, frustrazione, insicurezze personali, ansia incontrollata).

Come si cura

La somministrazione di anti ansiogeni può tornare utile per rallentare i tempi dell’eiaculazione. Sconsigliate invece le pomate anestetiche che potrebbero essere non gradite dalla partner.Il principio attivo più usato è la dapoxetina, che alza il livello della serotonina. Il farmaco che lo contiene è approvato in gran parte dei Paesi europei e sembra ben tollerato. Tuttavia la soluzione definitiva è da correlarsi ad un intervento psicologico.

Psicoterapia per trovare l’equilibrio

Fondamentale la valutazione psicologica che può tornare utile per una terapia mirata a riacquistare fiducia in se stessi e ridurre l’ansia da prestazione, una delle cause primarie. Gli atleti si rivolgono spesso a psicoterapeuti per riuscire a creare un immaginario positivo rispetto alla competizione che devono affrontare. Anche se non si tratta per niente di una gara, di sicuro il genere d’ansia che può essere avvertito può persino essere superiore a quello di una performance sportiva. In questo caso la psicoterapia può aiutare innanzitutto a ripristinare un quadro più ordinato tra la realtà e le proprie aspettative.Praticare sport ha senz’altro una finalità utile, visto che può essere rinvigorito il tono muscolare e anche il controllo neuronale può essere migliorato, oltre a scaricare tensioni ed ansia che altrimenti rimarrebbero pericolosamente ingabbiati nel corpo. Utili anche esercizi di respirazione e meditazione per uscire dai ritmi frettolosi della vita odierna.

Per ulteriori informazioni sui disturbi legati all'eiaculazione precoce visita il sito www.disturbi-eiaculazione-precoce.it

articolo a cura di Psicologi-Italia.it

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK